Articoli

COMUNICATO STAMPA

 

Riunione al Mise del Consiglio Nazionale Anticontraffazione: piena attuazione del Piano strategico nazionale 2017-2018, soddisfazione del sottosegretario allo Sviluppo Economico Antonio Gentile

Roma , 25 ottobre 2017 - Si è riunito al  ministero dello Sviluppo Economico il Consiglio Nazionale Anticontraffazione sotto la Presidenza del Sottosegretario di Stato al Mise, il senatore Antonio Gentile.

Il Consiglio Nazionale Anticontraffazione ha verificato lo stato di attuazione del Piano Strategico Nazionale 2017-2018, adottato nella riunione plenaria del CNAC del 30 marzo ultimo scorso. Il Piano, documento unico di riferimento per tutte le amministrazioni, le forze dell’ordine, i titolari dei diritti di Proprietà Industriale, coinvolti nel sistema anticontraffazione, ad oggi ha raggiunto un ottimo livello di attuazione: delle 50 Iniziative Progettuali che costituiscono il Piano, l’85% risultano in corso di svolgimento o si sono già positivamente concluse.

Rilevante è anche la collaborazione, integrazione e coordinamento tra tutti i soggetti coinvolti: come auspicato nel Piano, nell’80% dei casi sono infatti state attivate partnership tra i componenti del CNAC. Risultati significativi si sono ottenuti nelle macro-aree “Comunicazione” e “Informazione e Formazione” per l’ampia e differenziata platea di soggetti coinvolti (studenti, imprese, pubbliche amministrazioni, operatori della sicurezza, consumatori).

Il Consiglio ha inoltre ribadito l’importanza del territorio nella lotta al falso e la necessità di continuare ad investire nelle politiche di contrasto a livello territoriale, rinsaldando il legame tra amministrazioni centrali e attori locali.

Mi preme sottolineare la grande soddisfazione per i risultati sin qui conseguiti”, ha dichiarato il Presidente del Consiglio Nazionale Anticontraffazione, Sottosegretario Antonio Gentile: “Nel complesso l’impegno di tutte le Amministrazioni e i componenti del CNAC ha portato a un ottimo livello di attuazione delle Iniziative Progettuali – ha proseguito Gentile-. Il CNAC, cabina di regia delle politiche anticontraffazione nazionali, ha tracciato la direzione verso la quale dobbiamo necessariamente continuare ad operare per contrastare efficacemente il fenomeno della contraffazione nel nostro Paese, e tutti gli attori coinvolti condividono la responsabilità di portare a compimento gli obiettivi che ci siamo prefissati nel Piano”.